Aichatou Sarr vive per la maggior parte dell'anno in Italia, dove una parte della sua famiglia risiede. Questa imprenditrice di Kebemer ha avviato, nel corso degli anni, un'attività nel cuore della sua città d’origine, che comprende un laboratorio di trasformazione di prodotti locali e un ristorante.

L'azienda della signora Sarr ha una forte componente femminile e ci tiene a precisare: "oggi siamo pronti a fare un salto di qualità verso la creazione di aziende sostenibili, ma necessitiamo di un supporto tecnico e finanziario che l'Italia può fornirci in termini di competitività e trasferimento di competenze e tecnologie”.

Aichatou Sarr racconta di come a Kebemer molte siano le famiglie che vivono grazie al contributo della diaspora, e di come, al tempo stesso, molti tra i senegalesi della diaspora vorrebbero avviare un'impresa nel loro paese d'origine. Dopo aver assistito alla presentazione del programma PASPED/PLASEPRI, in particolar modo le opportunità che offre alla diaspora, si è detta fiduciosa rispetto agli obiettivi che il programma si pone, nonostante la consapevolezza della necessità di avere un progetto strutturato per potere averne accesso.

A cura di Francesco Mele

Aichatou Sarr, imprenditrice di Kebemer

Carovana Tekki Fii 19-21 novembre 2019

Posted in racconti dal campo.