Covid-19 in Senegal e Mali – Donati dispositivi medici a sostegno delle regioni di Kaolack e Sedhiou (Senegal) e Mopti (Mali)

Lo scenario determinato dall’esplosione della pandemia di Covid-19 ha richiesto una risposta immediata per contrastare la diffusione del virus anche in Senegal e Mali. La comunità internazionale si è mobilitata da subito a supporto delle autorità locali e della popolazione, in modo particolare le fasce più vulnerabili, maggiormente esposte al contagio e del personale medico, in prima linea nella lotta al Covid-19.

L’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), ufficio di Dakar, ha risposto prontamente attraverso le due iniziative regionali di Emergenza in Africa occidentale per rafforzare la resilienza e la protezione dei migranti e dei migranti di ritorno – AID 11274 e di Emergenza a protezione della popolazione più vulnerabile, degli sfollati, rifugiati, migranti irregolari e migranti di ritorno in Senegal, Guinea Bissau, Guinea, Gambia e Mali - AID 11659.

La donazione è stata resa possibile grazie all’utilizzo di fondi già destinati lo scorso anno al Senegal e al Mali nel quadro del partenariato storico con i due Paesi.

Un finanziamento, questo, che si inserisce nel quadro di un riorientamento delle iniziative di cooperazione attualmente in corso in Senegal e Mali al fine di sostenere i governi locali nella lotta al Covid-19. Un’azione in linea e condivisa con i partner bilaterali e multilaterali nell’ottica di un’armonizzazione degli interventi a più livelli e su più settori.

La fornitura in Senegal, avvenuta tra giugno e inizio luglio, ha compreso un set di maschere KN95, maschere chirurgiche, guanti da esplorazione, pompe a siringa, gel igienizzanti, termometri ad infrarossi, barre di saponi, saponi liquidi e candeggina. Il materiale servirà per alimentare le strutture sanitarie regionali di Kaolack e Sedhiou e verrà utilizzato nella cura dei contagiati e la protezione del personale medico.

Quest’azione mirata è il frutto di un’intensa collaborazione con le due Regioni Mediche che ha permesso, da un lato di identificare i bisogni urgenti in maniera puntuale, dall’altro la firma di due protocolli di cooperazione che hanno definito nel dettaglio la donazione e evidenziato l’impegno e il lavoro delle suddette regioni.

Si ricorda che le regioni di Kaolack e Sedhiou rappresentano due aree di intervento prioritarie per l’AICS nell’ambito dei programmi di cooperazione bilaterale: PAIS (Programma Agricolo Italia-Senegal), PAPSEN (Programma d’Appoggio al Programma nazionale d’Investimento dell’Agricoltura-Senegal) e PADESS (Programma d’Appoggio allo Sviluppo Economico e Sociale del Senegal).

In Mali la fornitura ha previsto uno stock di mascherine da distribuire alla popolazione, in modo particolare agli studenti, gel disinfettanti, saponi liquidi, candeggina, disinfettante per le latrine, dispositivi di lavaggio mani e termometri a distanza.

Il 6 giugno scorso, alla presenza di un comitato di ricezione e di una parte della popolazione, il materiale sanitario è arrivato nella sede del Comune urbano di Douentza, cittadina nel nord del Mali, dove è stato controllato e successivamente inviato ai due Centri di Sanità Comunitari, al Centro di Sanità di Riferimento e in alcune scuole.

La città di Douentza e in particolare la Regione di Mopti in Mali sono aree prioritarie di intervento per AICS e dall’inizio della crisi socio-politica nel 2012 al centro di molteplici programmi di emergenza e di assistenza umanitaria.

A cura di Chiara Barison e Claudia Berlendis

 

Posted in Uncategorized.