Mali • contesto

La Cooperazione Italiana opera in Mali a sostegno delle politiche promosse dal Governo locale volte allo sviluppo delle risorse naturali, e al rafforzamento del legame della popolazione con il territorio, per fare fronte all’importante flusso migratorio proveniente dalle zone più affette dalla desertificazione, mitigare le cause profonde della migrazione nel loro aspetto multidimensionale, soprattutto a beneficio dei giovani e delle donne e appoggiare il reinserimento dei migranti di ritorno nel loro paese.

L’azione della Cooperazione Italiana si svolge con programmi bilaterali in partenariato con il Governo, attraverso ONG italiane e tramite organizzazioni internazionali. L’aspetto umanitario e la componente di sviluppo sono fortemente correlati nel Paese, e richiedono un intervento comune da parte delle istituzioni locali e dei donatori, le cui strategie si integrano nelle piattaforme europee Global Alliance for Resilience Initiative (AGIR), Alliance pour le Sahel, e nella Strategia Unificata delle Nazioni Unite.

Recentemente gli interventi della Cooperazione Italiana hanno interessato il settore idrico, agricolo e sociale, in particolare tramite la creazione di un acquedotto per l’approvvigionamento della capitale Bamako e di una rete di distribuzione dell’acqua, e per la promozione dell’impiego giovanile attraverso la valorizzazione del settore agricolo. Sono inoltre attive iniziative di emergenza nei settori della sicurezza alimentare e dei servizi di base per la tutela dei gruppi vulnerabili vittime degli scontri armati e dei conflitti interni, e iniziative volte alla sensibilizzazione della popolazione su tutto il territorio nazionale.

• competenze territoriali