"In Africa tanta è la normalità", così Cleophas Adrien Dioma, Direttore esecutivo dell’Italia-Africa Business Week (IABW), ha aperto la terza edizione di una due giorni di eventi legati al settore economico italo-africano tenutasi a Milano. La strategia AICS per lo sviluppo socio-economico sostenibile di alcuni paesi africani è una priorità, come sottolineato dal vice Direttore dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, Leonardo Carmenati. Una posizione di rilievo nella strategia operativa dell'Agenzia è occupata dai paesi dell'Africa occidentale, presenti alle giornate economiche dell'IABW, tra cui, Senegal, Mali, Burkina Faso, Guinea Conakry. Il modello economico a cui gli organizzatori e i relatori di questo evento fanno riferimento rinvia a priorità che il settore privato deve necessariamente tenere in considerazione: imprenditorialità sostenibile, impatto sociale e ambientale degli investimenti, innovazione sociale e tecnologica a beneficio delle comunità locali. Da questo punto di vista, la vicinanza tra Italia e Africa può essere definita  dal modello di micro e media impresa che sostiene le economie reali dell’Italia e dell'Africa in generale.

AICS Dakar ha partecipato al panel "Diaspora e sviluppo", fornendo esperienze concrete di opportunità per la diaspora senegalese in Italia e in Europa legate al PASPED, un programma per lo sviluppo del settore privato e la valorizzazione della diaspora.

"La qualità italiana per la qualità africana" sembra essere lo slogan maggiormente evocativo a sintesi di un sentimento di reciprocità percepito a Milano in questa due giorni di incontri.

A cura di Francesco Mele

Posted in racconti dal campo.